Area C Milano

Area C Milano: moto e ciclomotori pagano?

Regolamento di Area C Milano: le moto e i ciclomotori pagano per accedere alla ZTL situata nel centro storico del capoluogo lombardo?

20 ottobre 2021 - 18:52

Per entrare in Area C di Milano moto e ciclomotori pagano? Tra poco risponderemo al quesito, prima ricordiamo, soprattutto a beneficio dei ‘non milanesi’, che l’area in questione è una zona a traffico limitato sita nel centro storico del capoluogo lombardo, coincidente con la cosiddetta Cerchia dei Bastioni. Questa ZTL prevede restrizioni di accesso per alcune tipologie di veicoli a motore in determinati giorni e orari. Scopriamo se queste restrizioni riguardano anche i mezzi a due ruote.

AREA C MILANO: LE REGOLE DELLA ZTL

Area C Milano è attiva dal lunedì al venerdì, dalle 7:30 alle 19:30, mentre è ‘spenta’ il sabato e nei giorni festivi. Durante i giorni e gli orari di attivazione ci sono veicoli che possono entrare nella ZTL pagando un ticket, altri veicoli che hanno l’accesso vietato perché troppo inquinanti e altri ancora che godono di particolari permessi e dunque entrano gratuitamente. Qui maggiori informazioni. Il ticket di ingresso in Area C costa 5 euro, sono tuttavia previste numerose deroghe: ad esempio i residenti nella Cerchia dei Bastioni pagano solo 2 euro (ma solo a partire dal 41° ingresso nell’anno solare perché i primi 40 accessi sono gratuiti). Mentre per i veicoli di servizio il biglietto costa 3 euro.

AREA C MILANO: MOTO E CICLOMOTORI DEVONO PAGARE?

In base al regolamento di Area C Milano, moto e ciclomotori non devono pagare alcun ticket per entrare nella ZTL durante i giorni e gli orari di attivazione. Anche in questo caso, però, ci sono delle eccezioni:

– i motocicli e i ciclomotori Euro 0 e 1 a due tempi e/o a gasolio non possono MAI accedere in Area C anche pagando il ticket. Per questi veicoli, infatti, vige il divieto permanente d’ingresso;

– il divieto di cui sopra vale per tutti i veicoli della categoria L e delle relative sottocategorie, come da classificazione del Codice della Strada. Quindi anche per tricicli e per quadricicli leggeri e pesanti, ammesso che siano Euro 0 e 1 a due tempi e a gasolio. Tutti gli altri veicoli classificati come ciclomotori o motocicli, a benzina, gpl, ibridi, elettrici, oppure a gasolio da Euro 2 in poi, hanno invece sempre libero accesso ad Area C.

Per conoscere la categoria e la classe ambientale di un veicolo occorre guardare sulla carta di circolazione o sul documento unico: l’indicazione della categoria (L per moto e mezzi assimilati) si trova alla voce J; la classe ambientale (Euro 0, 1, 2, 3, ecc.) alla voce V.9 ed è spesso integrata con un’ulteriore specifica nel riquadro 3 del libretto.

Importante: nei prossimi anni saranno disposti nuovi divieti di ingresso in Area C Milano per moto e ciclomotori in base al tipo di alimentazione e alla classe ambientale. Ecco il calendario:

dal 1° ottobre 2024:

a due tempi Euro 2;
a gasolio Euro 2;
a benzina a quattro tempi Euro 0 e 1.

dal 1° ottobre 2025:

a due tempi Euro 3;
a gasolio Euro 3;
a benzina a quattro tempi Euro 2.

dal 1° ottobre 2028:

a benzina a quattro tempi Euro 3.

dal 1° ottobre 2030:

a due tempi Euro 4;
a gasolio Euro 4 e 5.

AREA C MILANO MOTO E CICLOMOTORI: SANZIONI PER I TRASGRESSORI

Chi entra in Area C di Milano, quando è attiva, in sella a un motociclo o ciclomotore non idoneo (sono tali, almeno fino al 2024, soltanto i modelli Euro 0 e 1 a due tempi e/o gasolio) rischia una multa da 168 a 678 euro. Nella fattispecie, infatti, si applica la sanzione prevista dall’art. 7 comma 13-bis CdS per chi circola con veicoli appartenenti, relativamente alle emissioni inquinanti, a categorie inferiori a quelle prescritte. Da notare che nel caso di reiterazione nel biennio successivo alla prima violazione, si aggiunge anche la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 15 a 30 giorni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo moto 2021

Bollo moto 2022: novità e altre cose da sapere

Casco bici adulti 2021 – 2022: i modelli più sicuri nei test

Gomme per bici invernali: il test 2021 – 2022