Bosch punta sulle due ruote: futuro più sicuro e connesso

10 novembre 2016 - 19:10

Dal 1995, Bosch ha prodotto più di due milioni di unità ABS per moto. Nel 2013, Bosch ha sviluppato il sistema di controllo della stabilità per motocicli MSC, il primo sistema di sicurezza al mondo “tutto in uno” per veicoli a due ruote. Ma ritiene che vi sia ancora spazio per nuovi sviluppi: con il Side View Assist, Bosch ha lanciato il primo sistema avanzato al mondo di assistenza alla guida per veicoli a due ruote. Durante il cambio di corsia, il sistema di assistenza utilizza sensori a ultrasuoni per rilevare i pericoli presenti su entrambi i lati della moto monitorando gli spazi che il motociclista fatica a vedere.more

  • Una maggiore efficienza e una guida più confortevole

Grazie ai suoi sistemi di propulsione per veicoli elettrici leggeri, Bosch sta introducendo nella mobilità urbana soluzioni che consentono di risparmiare risorse.  Due sistemi di trazione, uno con motore al mozzo con gamma di potenza fino a 3 kW e uno con motore mid-drive per gamme di potenza superiori a 4 kW, completano la gamma di prodotti Bosch di motori elettrici fino a 20 kW. Motore, centralina, batteria, caricabatteria, display e app sono sincronizzati tra loro creando sistemi flessibili e versatili per veicoli elettrici leggeri. Grazie alla rapida accelerazione, alla lunga portata e alla sicurezza sorprendente di questo sistema di trasmissione per veicoli elettrici leggeri, Bosch sta creando le basi tecniche per una guida duratura e confortevole per questi nuovi mezzi.

  • Le moto connesse sono ancora più sicure

Insieme alla sicurezza e all’efficienza, il desiderio di connettività è un fattore de-cisivo del settore moto di Bosch. Il portafoglio dell’azienda contiene diverse so-luzioni di connettività per le moto. L’Integrated Connectivity Cluster (ICC) è un sistema di informazione per il motociclista, sviluppato specificamente per le mo-tociclette. Presenta dimensioni del display e risoluzioni variabili e di facile lettura in qualsiasi circostanza. Oltre a un’interfaccia Bluetooth, l’ICC è dotato del sistema mySPIN per l’integrazione di smartphone. Già disponibile per le auto, questa tecnologia è ora fruibile anche per i veicoli a due ruote, e offre la solu-zione perfetta per condividere informazioni come condizioni di traffico e preferenze di percorso con altri motociclisti. La Connectivity Control Unit (CCU) collega direttamente le motociclette al cloud o ad altri veicoli. Questa soluzione offre funzioni come l’eCall, il servizio automatico di chiamata di emergenza. Se la motocicletta è coinvolta in un incidente, eCall invia automatica-mente una chiamata di emergenza per garantire l’arrivo rapido dei soccorsi. La CCU può anche aiutare a rintracciare una motocicletta rubata e offre al motociclista informazioni utili di vario tipo, come i punti potenzialmente pericolosi sulla strada, o gli consente di avvisare altri utenti della strada.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La checklist della partenza secondo SicurMOTO.it

Come affrontare il caldo in moto: i consigli del medico

Corso di guida sicura moto: la nostra giornata a Misano