Ducati Multistrada V4: come funzionano i radar che prevengono gli incidenti

Come funziona il radar anteriore e posteriore della Ducati Multistrada V4 e perché si definisce la prima moto al mondo con radar

12 novembre 2020 - 15:37

Ducati ha da qualche giorno presentato la quarta generazione della Multistrada V4 e oltre al livello di personalizzazioni ormai da classe premium, alza anche il livello della sicurezza attiva. La Ducati Multistrada V4 2020 è presentata come la prima moto al mondo ad avere due radar, uno anteriore e uno posteriore, ad assistere il pilota durante la guida. Ecco come funziona il radar della Ducati Multistrada V4.

ADAS SULLE MOTO, PERCHÉ LA DUCATI È LA “PRIMA” AL MONDO

Due radar delle dimensioni molto piccole campeggiano davanti e dietro, sulla Ducati Multistrada V4, che quasi non si notano. La Ducati lavorava da tempo all’integrazione dei sistemi ADAS già presenti sulle auto ma adattati alla guida in moto. Così con il Politecnico di Milano ha avviato la sperimentazione fino ad ottenere due radar perfettamente integrati alla moto. Le dimensioni (70 x 60 x 28 mm) e il peso (190 grammi) sono marginali rispetto alla mole della Multistrada, ma aumentano notevolmente il comfort e la sicurezza, soprattutto durante i viaggi. Prima di vedere come funzionano i radar della Ducati, occorre fare una precisazione per i motociclisti più smaliziati. Già da qualche anno altri competitor hanno integrato le funzioni di Adaptive Cruise Control su alcuni modelli, ma la Multistrada V4 è la prima moto che può essere equipaggiata di doppio radar.

ADAPTIVE CRUISE CONTROL DUCATI MULTISTRADA V4

Il radar anteriore della Ducati Multistrada V4 è progettato per lasciare che sia sempre il pilota a decidere quale livello di intervento affidare alla moto. In questo modo potrà sempre avere una parte del controllo nella fase di decelerazione e accelerazione. L’Adaptive Cruise Control infatti permette di selezionare l’intervento tra 4 livelli di sensibilità (Vicino, Medio, Lontano, Molto Lontano) da 30 a 160 km/h per mantenere la distanza di sicurezza dal veicolo che precede. Se necessario la moto frena e accelera in base allo spazio che c’è davanti.

BLIND SPOT DETECTION PLUS SU DUCATI MULTISTRADA V4

Il radar posteriore della Ducati Multistrada V4 invece presiede alla funzione Blind Spot Detection, anche questa già tra le dotazioni di alcuni scooter di alta gamma. Il sistema Ducati però è fatto in modo da avere una duplice funzione. Anche in questo caso l’intervento di alert è selezionabile, ma sarà il pilota a dover prendere le dovute contromisure. Quando si avvicina un veicolo nella zona che spesso e volentieri non è ben visibile dagli specchietti, lampeggia una spia (lenta, media o veloce, in base alle preferenze) sullo specchietto del lato dove si nasconde il rischio di incidente. In aggiunta a un sistema che altri Costruttori moto hanno denominato in modo più singolare, poi c’è la funzione Blid Spot Detection Plus di avviso dei veicoli che sopraggiungono a velocità più alta. Funzione molto utile soprattutto nelle curve veloci, quando il rischio di scivolare per una moto inaspettata è più alto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Postura corretta in moto: come regolare manubrio, leve e pedane

Montagna in moto: 5 errori da non fare

Viaggi in moto: i Paesi più pericolosi dove guidare