La checklist della partenza secondo SicurMOTO.it

Invece della solite guide teoriche, SicurMOTO.it ha elencato per voi le più classiche dimenticanzae di chi parte con la moto, per controllare insieme a noi se averte preso tutto, prima di partire.

23 luglio 2019 - 8:17

Vi capita mai di uscire di casa con la sensazione di aver dimenticato qualcosa? Se si tratta di una passeggiata non fa niente, ma se questa impressione si manifesta alla partenza di un viaggio in moto, tutta la vacanza può diventare un tormento. Se avete già letto i nostri consigli su come organizzare un viaggio in moto, questa check-list della partenza è per voi distratti: leggetela sul pianerottolo, prima di dare le fatidiche due girate alla porta di casa e partire per la vostra meritata vacanza.

LE CHAVI DELLA MOTO

Può sembrare banale, ma nella confusione della partenza capita di dedicare attenzione alle cose più insignificanti e dimenticare quelle ovvie. La furbata è di partire portando anche un mazzo di riserva, da tenere separatamente. Perdere la chiave è un attimo e se capita in un’altra città o in un’altra nazione, ci si può rovinare la vacanza.

ATTREZZIAMOCI

Le moto moderne non sono semplici da riparare, ma oltre al grasso per la catena ed al kit di attrezzi della moto, un buon motociclista ha sempre con sé due fascette autostringenti, un rotolo di “nastro americano” e la mitica bomboletta gonfia e ripara. Esiste anche il kit per riparare le bucature da soli, ma ci vuole un pò di pratica. Noi di SicurMOTO.it faremo presto un tutorial.

DOCUMENTI

Controllo documenti: patente, libretto di circolazione, certificato dell’assicurazione e passaporto se andate lontano, sono al sicuro? La checklist della partenza però comprende anche la tessera sanitaria, nel caso vi capiti di dovervi rivolgere ad una farmacia, guardia medica o Pronto Soccorso (ma speriamo di no).

CHIUSO IL RUBINETTO?

Ripetiamo tutti insieme il mantra del pianerottolo: chiave centrale dell’acqua, rubinetto del gas e contatore della luce. Se avete l’esigenza di non spegnere il frigo ed il vostro contatore ha un solo interruttore, staccate gli elettrodomestici inutili dalle prese della corrente. Una volta si usava anche staccare le antenne dalle TV, in caso di fulmini.

TUTTO CHIUSO

Un’ansia classica di chi parte sono le finestre. Prima di andare, quindi, fate un ultimo giro per controllare se le imposte di tutti i balconi e di tutte le finestre sono chiusi a dovere. Non dimenticate il bagno!

SEMPRE SMART

Il telefonino è con voi, di questo siamo sicuri, ma avete messo nel bagaglio il caricabatterie? Se la moto ha una presa da 12V tenete a portata di mano il caricabatterie da viaggio. Non dimenticate lettore MP3 , tablet, auricolari o cuffiette e quel power bank, che avete comprato proprio per partire. La macchina fotografica va sistemata in posizione comoda da prendere quando serve, per le foto al volo ed il trucco dei viaggiatori è portare con se una presa multipla.

CONTANTI SALUTI

Il portafogli è in tasca? Occhio ad avere tutte le carte di pagamento. Se siete abituati ad averle sempre, bene. In caso contrario il rischio di lasciare a casa bancomat e carta di credito è altissimo, con conseguenze potenzialmente catastrofiche. Attenzione: in alcuni casi la carta di credito ricaricabile non è sufficiente, ci vuole quella bancaria con i numeri a rilievo (fidatevi: chi vi scrive lo sa bene).

PER SICUREZZA

Gli ultimi consigli della nostra checklist della partenza sono di lasciare un mazzo di chiavi di casa ad un parente o un amico (fidato) e di lasciare i vostri contatto al vicino di casa. Con la nuova legge europea, ci si può telefonare senza costi aggiuntivi in tutta la UE. Oltre al numero di telefono conviene lasciare anche l’eMail ed i contatti social.

FACEBOOK SAFETY CHECK

Questa non è una cosa da controllare all’ultimo momento, ma anche durante il viaggio, sfruttando il wifi dell’hotel attivate la funzione Safety Check del social più grande del mondo. Qui c’è il link delle spiegazioni, su come il sistema entra in funzione, in caso di eventi drammatici nelle vostre vicinanze, per rassicurare gli amici o le autorità sulla vostra incolumità. Purtroppo il motociclista 2.0 deve pensare anche a questo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Come affrontare il caldo in moto: i consigli del medico

Corso di guida sicura moto: la nostra giornata a Misano

Air Tender: come funzionano le sospensioni italiane dell’Africa Twin