5 commenti

Il prezzo di una scelta | Bikers Experience
0:00, 30 agosto 2011

[…] Perde la vita per il mancato uso del casco…..mentre se ne contestava l’obbligo! […]

Alessandro
0:00, 9 luglio 2011

Marco, nascondersi dietro una questione di soldi ti porta allo stesso livello dei politicanti che vai criticando.

Il problema è ben più complesso e riguarda 2 fattori fondamentali: l’evoluzione dell’essere umano e la salute pubblica.

L’evoluzione dell’essere umano si spiega in poche parole: gli individui evoluti non sentono il peso di una norma giusta, anche se comporta una limitazione della libertà personale, perchè conoscono il significato della definizione “salute pubblica” di cui sotto.

La salute pubblica NON E’ (solo) il livello di salute fisica media delle persone in analisi. E’ il livello generale di salute fisica E PSICOLOGICA delle persone prese in esame.

Un padre irresponsabile che si ammazza in moto perchè senza casco causa un danno sociale alla famiglia e -di conseguenza- alla società, abbassando il grado di felicità di TUTTI.

Se rischiare la tua vita facesse del male solo a te stesso saresti libero di circolare senza casco.

marco
0:00, 7 luglio 2011

Andare in moto con molta prudenza e senza casco è sicuramente meglio che sfrecciare a 100 Km/h in città col casco ben allacciato in testa , in caso di incidente a certe velocità non c’è casco che tenga. Io propongo di rendere l’uso del casco obbligatorio anche anche in auto e sono sicuro che di vite se ne salverebbero molte di più.
Bisogna vivere per morire non il contrario.
Un affettuoso saluto a tutti , motociclisti e non
Marco

Marco
0:00, 7 luglio 2011

I nostri governanti ci obbligano a mettere quell’odioso pitale sulla testa non perchè tengano alle nostre vite (non gliene può fregare di meno!) ma perchè poi, in caso di incidente, peseremmo troppo sulle casse del Servizio Sanitario Nazionale. Una soluzione che farebbe contenti tutti è quella di autorizzarci a circolare in moto senza casco ma, in caso di incidente senza indossarlo, di negarci l’assistenza economica del S.S.N. obbligandoci così a pagare di tasca nostra tutte le cure, come se ci rivolgessimo ad una clinica privata.

fabio
0:00, 7 luglio 2011

Cavoli sui è un babbo!!