Guià: la bici elettrica marchiata MV Agusta

Una versione speciale della e-bike appositamente sviluppata per Forward Racing, neonato team Moto2 della casa varesina

25 febbraio 2019 - 14:50

Tutto nasce dalle nuove regole del Motomondiale che vietano ai team l’utilizzo di mezzi con motore termico per spostarsi all’interno del paddok. Così l’esordiente team di MV Agusta Forward Racing si rivolge alla Huracan Power di Franco Moro per far spostare dipendenti e piloti tra i box. Dall’unione dei due marchi nasce la Guià, che attinge da entrambe le parti per quanto riguarda stile e prestazioni, entrambe al top. Questa e-bike griffata MV è in realtà uno sviluppo della già esistente Guià GP, con cerchi alleggeriti e gomme slick. Nel listino Huracan Power è affiancata dalla Guià MX, versione off-road con gomme tassellate. Entrambe le e-bike non sono omologate per l’uso su strada. D’altronde non sono certamente il tipo di bici che si utilizza per andare a fare aperitivo in centro, tutt’altro. Sono mezzi altamente specialistici e dedicati ad appassionati, con un pacchetto tecnico assolutamente di rilievo. I prezzi va da se che non siano proprio “popolari”: 8.500 euro per la MX e 12.000 euro per la GP. Per ora la collaborazione tra i due brand è circoscritta al mondo delle corse, ma chissà se con la tendenza del mercato verso una mobilità green la partnership non possa dare vita ad un progetto di MV elettrica.

Verso una mobilità più green

D’altronde non sarebbe la prima casa a puntare in questa direzione e verso questo segmento. L’ultima a tuffarsi nel mondo delle e-bike è stata Ducati a fine 2018 con la sua Mig RR, nata dalla collaborazione con l’italiana Thok. Prima ancora BMW già aveva sondato il terreno con la sua Cruise. Piaggio e KTM con le loro gamme Wi-Bike e Macina offrono addirittura molteplici alternative. La richiesta da parte degli utenti è in aumento, lo si avverte banalmente dal numero crescente di bici elettriche che si vedono girare nei centri cittadini. I prezzi ormai sono diventati sostenibili, soprattutto se paragonati al mantenimento (carburante e manutenzione) di uno scooter. La mobilità eco-sostenibile è diventata ormai un obiettivo comune tra utenza e produttori. D’altro canto con le sempre più restrittive normative ed i centri cittadini vietati alla circolazione di mezzi inquinanti, l’acquisto di una e-bike unisce l’utile al dilettevole!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assicurazione scooter elettrico: quanto costa realmente a Milano, Roma e Napoli nel 2019

Antifurto moto e scooter: 5 consigli sulla scelta

MV Agusta e Loncin: l’accordo per le piccole cilindrate e molto altro