Moto senza targa: multa e sanzioni accessorie

In moto senza targa: multa e sanzioni accessorie previste per chi circola a bordo di un veicolo privo di di una targa contenente i dati di immatricolazione

14 ottobre 2020 - 19:01

Qual è la multa per chi viaggia con una moto senza targa? Sono previste sanzioni accessorie? Occorre sfogliare il Codice della Strada fino all’articolo 100 per vedere cosa dispone la legge nei confronti di coloro che circolano privi di targa, tenendo ben presente che il concetto di ‘circolazione stradale’ include non solo il movimento ma anche la sosta e la fermata dei veicoli su strada pubblica, o privata equiparata a pubblica. Pertanto una moto parcheggiata in strada senza targa è passibile di sanzione.

MOTO SENZA TARGA: QUALE MULTA E SANZIONI?

L’articolo 100 comma 2 del Codice della Strada precisa che “i motoveicoli devono essere muniti posteriormente di una targa contenente i dati di immatricolazione”. Quindi non si può circolare senza targa, pena l’applicazione di una “sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 87 a 345 euro” (art. 100 comma 11 CdS) e della “sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo o, in caso di reiterazione delle violazioni, della confisca” (art. 100 comma 15). La durata del fermo amministrativo è di tre mesi. Quindi a fronte di una multa pecuniaria tutto sommato accettabile, meno di 90 euro se non ci sono aggravanti, girare con una moto senza targa comporta soprattutto il sequestro del mezzo per tre mesi (e la confisca in caso di recidiva) a cui bisogna aggiungere le spese per il dissequestro.

MULTA ANCHE SE LA TARGA DELLA MOTO È INCLINATA

La medesima sanzione (multa da 87 a 345 euro + fermo amministrativo per tre mesi) è prevista per i motociclisti che circolano con la targa troppo inclinata, tanto da renderla illeggibile agli autovelox. Secondo l’art. 259 del regolamento d’attuazione del Codice della Strada, infatti, la targa di una moto dev’essere diritta in orizzontale, cioè non inclinata a destra o a sinistra, mentre in verticale non può essere inclinata più di 5°. Tuttavia sono previste eccezioni, in base alla forma del veicolo, che consentono di inclinare la targa rispetto alla verticale di un angolo fino a 30° o a 15°. Il bordo inferiore della targa, a veicolo scarico, dev’essere a un’altezza di almeno 20 cm dal suolo, inoltre è richiesto che la targa risulti sempre visibile e non coperta da altri elementi della moto.

TARGA MOTO: ALTRE VIOLAZIONI E SANZIONI

Ricordiamo infine che sempre in base al pluricitato art. 100 Cds:

– Chiunque circola con una moto munita di targa non propria o contraffatta è punito con una super multa da 2.050 a 8.202 euro + fermo amministrativo per tre mesi.

– Chiunque circola con una moto con targa dalle caratteristiche non rifrangenti, oppure appone iscrizioni, distintivi o sigle che possano creare equivoco nella identificazione del veicolo, è punito con una multa da 26 a 102 euro.

– E chiunque falsifica, manomette o altera targhe motoristiche ovvero usa targhe manomesse, falsificate o alterate è punito ai sensi del Codice Penale.

A tutte le violazioni si applica anche la sanzione amministrativa accessoria del ritiro della targa non rispondente ai requisiti richiesti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto e posto di controllo

Moto e posto di controllo: regole di comportamento

Assistenza stradale moto

Assistenza stradale moto: cosa copre la garanzia

Documenti moto necessari

Documenti moto necessari per circolare: quali sono?