Caschi ai raggi X: Icon Airflite

Estetica da videogame per un casco che arriva dagli Stati Uniti. In primo piano qualità e sicurezza per l'Icon Airflate ma con qualche differenza "filosofica" rispetto ai caschi europei

19 febbraio 2019 - 9:00

Il nome Icon non dice molto ai motociclisti italiani, ma il marchio è nel portafogli di Parts Unlimited, una multinazionale americana che tramite la sussidiaria europea Parts Europe, distribuisce Icon anche in Italia. Sfogliando il sito web si trova un po’ di tutto, con uno stile streetwear che è nato negli USA, ma ormai è di tendenza anche da noi. Torna la rubrica caschi ai raggi x proprio con il modello Airflite di Icon.

Icon Airflite da guardare

Ancor prima di vederlo da vicino, l’integrale Icon ci aveva rapiti per il look futuristico, tra IronMan ed i Daft Punk, accentuato dalle grafiche fashion, ma noi abbiamo preferito il Battlescar 2, con la visiera dorata e la calotta verde militare, consumata come l’elmetto di un reduce e per strada ci guardano tutti. Oltre che bella, la calotta in policarbonato, stampata in due taglie, è anche molto rigida e non è un caso se l’Airflite, oltre ad ECE e DOT, ha anche l’omologazione giapponese e quella australiana. Tanta sicurezza si paga alla bilancia, che si ferma a 1745 grammi: un peso da casco modulare. Eleganti e morbidi gli interni rivestiti in Hydradry, stampati con il logo.

Icon Airflite in testa

La calzata del casco americano è inusuale, con un’imboccatura stretta che porta ad uno spazio interno ampio e lungo, come un elmo medioevale. L’aria davanti al viso è davvero tanta e la visibilità molto superiore al solito, specialmente in basso. L’imbottitura è un po’ rigida all’inizio, ma chi ci segue sa che i caschi devono prendere la forma, come le scarpe. Se la visiera principale è oscurata, ma non troppo, Icon ha montato una visierina a scomparsa gialla (guidata da un filo metallico che vediamo ai raggi x qui sopra), indicata per la guida notturna. In pratica l’Airflite vuole essere indossato di giorno con la visiera lunga e di notte con quella corta. Come optional ci sono soluzioni più tradizionali, ma l’Icon perderebbe gran parte del suo fascino. Complimenti al trattamento anti appannamento, che non abbiamo sconfitto nemmeno respirando nel casco come bufali. La visiera non è a sgancio rapido e non prevede la Pinlock, ma il cinturino è a doppio anello.

Icon Airflite su strada

Partiamo con il fascinoso casco sulla testa e dai primi metri apprezziamo la visibilità, quasi da casco scomponibile: la visiera lunga non è tutto fumo. La strana sagoma dell’imboccatura ostacola leggermente il movimento di avvicinare l’orecchio alla spalla, ma dipende anche dalla sagoma del giubbotto. In compenso possiamo tenere tranquillamente la posizione aerodinamica. La buona qualità degli interni attutisce molto i rumori del traffico, ma quando si va forte, il vento fischia. La colpa è del comando della visierina, ma sopratutto dei binari nei quali si muove la visiera grande. Ottima la presa d’aria anteriore, con un selettore per deviare il flusso al viso o solo dietro il trasparente. Le prese d’aria superiori non contribuiscono granchè, ma sinceramente non se ne sente il bisogno. Dopo qualche chilometro avvertiamo il peso di questo americano, ma del nostro giro su strada ricordiamo soprattutto l’attenzione degli altri motociclisti, che ad ogni semaforo o pausa per le foto, ci chiedevano informazioni sul casco.

In conclusione

Chissà perchè tutto quello che arriva dall’America risulta sempre strano, ma affascinante, come una Mustang o una Harley. Il casco Icon Airflite segue la stessa filosofia, è più pesante e leggermente più rumoroso dei caschi a cui siamo abituati, ma dopo averlo visto ci assale una voglia irrefrenabile di averlo, forse saremmo persino disposti a cambiare moto solo per essere ben coordinati. Facilissimo capire il ciente tipo dell’Icon: i ragazzi sulle naked stile Mazinga. Loro perdoneranno facilmente i peccati di questo casco, per il suo look estremo e giovane. Il prezzo di listino dell’Icon va dai 261 ai 334 € a seconda delle grafiche, secondo noi equilibrato rispetto al livello di sicurezza dell’Airflite che, ripetiamo, risponde a 4 omologazioni internazionali diverse.

SicurMOTO.it ringrazia il dealer Icon Lucca Motorsport

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Caschi ai Raggi X: CGM 316S Indian, il primo casco

Caschi ai Raggi X: Scorpion Exo 1400 Air, una “goccia” da intenditori

Caschi ai Raggi X: CGM 307, la pantera silenziosa