Recensione casco moto Cast MT III Carbon: il test ai Raggi X

Abbiamo provato per voi il casco Cast Helmets MT III Carbon, uno dei caschi moto più leggeri al mondo. Ecco la recensione del casco moto Cast ai raggi X

12 marzo 2020 - 14:59

La rassegna delle recensioni dei caschi ai raggi X oggi mette a nudo uno dei caschi integrali da moto più leggeri al mondo. Un casco fatto a mano in Italia, che unisce in maniera unica classe, hi-tech e funzionalità. Partiamo per la prova su strada del casco Cast MT III Carbon.

CAST MT III CARBON, CHE ELEGANZA

La linea del Cast MT III arriva direttamente dagli anni ’70 ed oggi strizza l’occhio alla moda vintage, ma il modello Carbon reinventa lo stile del casco da moto ed oltre alle classiche o alle special, è adatto un pò a tutte le moto di design. La linea è pulita ed essenziale, senza estrattori, spoiler o prese d’aria, tranne i sei fori sulla mentoniera, che sono sempre aperti. Gli interni sono sfoderabili, lavabili ed anallergici. Forse un pò troppo semplici, ma impreziositi da inserti in similpelle intorno all’imboccatura ed all’apertura per gli occhi. L’assenza della visiera si risolve facilmente con un paio di occhialoni, con un impatto visivo a dir poco straordinario. La casa ne produce un modello apposito, che però va ordinato a parte.

IL CAST MT III CARBON AI RAGGI X

La radiografia ci dice poco, ma contemporaneamente molto, sulla leggerissima struttura del casco che essendo in puro carbonio, è invisibile ai raggi X. Ciò che vediamo nel radiogramma, sono i collanti usati per tenere insieme i fogli di carbonio, qualche dettaglio metallico ed una spennellata di adesivo speciale, che Cast Helmets applica dietro la nuca, per dare maggiore solidità all’insieme come nel test dello splendido CM5 Carbon Race. Gli interni sono completamente sfoderabili ed il cinturino ha il doppio anello.

LA PROVA SU STRADA DEL CAST MT III CARBON

L’imboccatura del casco è regolare, mentre gli interni sono solidi, da casco sportivo. Se non sapete che casco comprare per la vostra moto classica e dopo aver letto la nostra prova su strada del casco Cast MT III Carbon, deciderete di acquistarlo sul sito ufficiale Cast Helmets, leggete con molta attenzione la guida per le taglie. Una volta in sella, i primi km servono ad abituarci all’assenza di peso di questo gioiello, che potrebbe essere il casco integrale più leggero del mondo. E’ una esperienza di guida complessa, che deriva da un mix di peso ridotto (solo 988 grammi, più 71 di visiera!), bilanciamento quasi perfetto, ampia visuale ed assenza del trasparente. La calotta aderentissima, azzera persino l’effetto di inerzia quando si gira velocemente la testa. In pratica, il Cast MT III si indossa e si dimentica. Ovviamente l’assenza di ogni protezione abbassa il punteggio del comfort assoluto, ma chi compra un oggetto così particolare sa di dover accettare qualche compromesso. Noblesse oblige.

A CHI CONSIGLIAMO IL CAST MT III CARBON

Chi vuole comprare il Cast MT III Carbon? Trattandosi di un casco estremamente raffinato, l’identikit del motociclista ideale ci porta ad un appassionato vero. Uno che sappia apprezzare la qualità senza farsi ipnotizzare dal marchio o dal pilota che lo sponsorizza. Che sappia davvero riconoscere un bel casco come si riconosce un buon vino. Se vi riconoscete in questa fotografia, il CAST MT III Carbon è fatto apposta per voi, che lo utilizzerete con parsimonia, su percorsi brevi, guidati e divertenti o moderatamente off road. Il prezzo del Cast MT III va da 335 € del modello in tinta unita a 399 € del nostro Carbon, tra i due ci sono alcuni modelli in grafica o il servizio di personalizzazione Cast Helmets.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Recensione casco moto Premier Vyrus: il test ai Raggi X

Recensione casco moto Premier X Trail: il test ai Raggi X

I migliori guanti da moto e scooter per l’inverno 2019 – 2020