Test Casco moto Caberg Horus: poco sicuro negli impatti laterali

Più leggero di altri caschi moto modulari, ma il crash test Caberg Horus rivela una protezione con ampi margini di miglioramento

28 giugno 2022 - 15:00

Il casco moto Caberg Horus è un modulare per i motociclisti che cercano sicurezza ma anche comfort nella guida in città. Uno degli svantaggi dei caschi modulari è legato al peso ulteriore rispetto ad un integrale, per il meccanismo della mentoniera apribile. Questa deve dimostrare anche di essere abbastanza robusta negli impatti frontali quando è chiusa. Un test che non mette particolarmente in difficoltà il casco moto modulare Caberg come invece risulta nelle prove di impatto laterale. Ecco i risultati del crash test Sharp a 3 stelle.

TEST DI IMPATTO E VALUTAZIONE SICUREZZA DEI CASCHI MOTO

Le prove di crash test Sharp sui caschi moto, mirano a verificare il livello di protezione negli impatti riprodotti secondo la norma UN ECE 22.05. Come al solito ogni modello di casco moto è sottoposto a 30 test di impatto lineari e 2 test di impatto obliqui. Per completare questi 32 test, sono necessari almeno 7 campioni dello stesso casco ma di taglie diverse. Gli impatti avvengono a tre velocità diverse (6, 7,5 e 8,5 metri al secondo):

–  impatto lineare: i caschi sono lasciati cadere contro superfici sia piatte che a forma di cordolo come quelle riscontrabili in incidenti stradali reali;

– impatto obliquo: per valutare la resistenza all’abrasione superficiale del casco.

A proposito, sai che è entrato in vigore il nuovo regolamento 22.06? Ecco tutte le novità.

I PUNTEGGI NEI CRASH TEST DEI CASCHI MOTO

Le zone di impatto nei crash test caschi moto sono classificate in colori differenti da “Molto buono” a “Scarso”, in base all’energia residua trasmessa alla testa. La correlazione tra un colore e un livello di sicurezza è emersa da un’indagine sulle lesioni riportate al cervello in incidenti reali. I colori della zona di impatto si basano su valori di accelerazione e forza specifici:

– Verde: forza fino a 275 g (limite di prova ECE 22.05 a 7,5 m/s);

– Giallo: forza di picco fino a 300 g (il limite di prova British Standard 6658:1985 a 7,5 m/s utilizzato da SHARP come valore massimo consentito per un punteggio a 5 stelle);

– Arancione: forza di picco fino a 400 g;

– Marrone: forza di picco fino a 420 g;

– Rosso: forza di picco fino a 500 g;

– Nero: forza di picco superiore a 500 g;

CRASH TEST CASCO MOTO CABERG HORUS

Il crash test casco moto modulare Caberg Horus è valutato con 3 stelle su 5. Un punteggio leggermente inferiore rispetto ad altri caschi che riescono ad arrivare a 4 stelle anche senza l’utilizzo di materiali ricercati per le calotte (termoplastico per il Caberg). Tuttavia il peso di 1,65 kg è allineato ad altri caschi integrali con mentoniera fissa. A proposito di mentoniera, Sharp ha verificato che nell’87% degli impatti frontali la mentoniera resta bloccata proteggendo al massimo il volto. Nelle prove di sicurezza Sharp il casco moto Caberg Horus manca le 4 stelle con le seguenti valutazioni:

– il punteggio massimo nell’impatto delle zone parietale (superiore), occipitale (nuca) e frontale (verde);

molto bassa è invece la protezione nella zona temporale destra e sinistra (rosso).

Come sempre vi ricordiamo che la prova reale dell’abbigliamento per moto è fondamentale affinché sia comodo e svolga adeguatamente il suo lavoro. Questo consiglio vale ancora di più con la scelta del casco moto. In generale tra una mezza taglia più stretta e una più larga è meglio quella inferiore, considerando che nel tempo l’imbottitura si adatta alla testa. Puoi approfondire qui tanti altri utili consigli sulla scelta della taglia corretta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Casco bici con airbag: -62% rischio lesioni mortali a 20 km/h

Casco moto HJC RPHA 90S: scarsa sicurezza laterale nei test SHARP

Recensione Motoairbag MAB v3: il test in sella con il gilet salvavita