Honda CB300R 2022: cosa cambia con l’aggiornamento

La nuova Honda CB300R 2022 si rifà il trucco, ma con l’aggiornamento arrivano anche diverse novità tecniche, eccole in anteprima

25 gennaio 2022 - 9:51

La nuova Honda CB300R 2022 conferma lo stile retrò della gamma naked giapponese posizionandosi esattamente a metà tra le sorelle 650 e 125. Con un solo cilindro e poco più di 31 cavalli, per guidare la CB300R serve prendere la patente A2. Ecco tutte le novità con l’aggiornamento della Honda CB300R 2022.

NOVITA’ DELLA HONDA CB300R 2022

Secondo Honda, per chi proviene da una moto 125 la nuova Honda CB300R è l’upgrade ideale per fare il salto di carriera su due ruote. “È ideale anche per chi ha già esperienza e vuole una moto divertente e ricca nel look e nell’equipaggiamento, ma con bassi costi di gestione. Motore, telaio e ciclistica sono capaci di offrire sensazioni coinvolgenti, senza il peso, i costi e la patente necessaria per guidare una maximoto. L’aspetto più interessante per chi possiede la MY 2018 o sta decidendo quale naked acquistare in questa fascia di mercato, sono le novità 2022 della CB300R:

– ritocchi all’estetica, con una maggior presenza di dettagli di colore nero;

forcella Showa SFFBP (Separate Function Big Piston) a steli rovesciati da 41 mm;

– frizione assistita con antisaltellamento;

– motore monocilindrico con nuovo scarico e omologazione Euro5;

– strumentazione con indicatore della marcia inserita;

– sella con nuovo rivestimento più confortevole;

MOTORE E CICLISTICA CB300R 2022

Il motore monocilindrico con distribuzione bialbero a 4 valvole, raffreddato a liquido, da 286 cc della CB300R, è un piccolo gioiello di tecnologia a 4 tempi, secondo Honda.  È considerato il propulsore ideale per una naked “facile” da usare tutti i giorni. La potenza massima di 31,1 CV (29,9 kW) è erogata a 9.000 giri/min, mentre la coppia massima è di 27,5 Nm a 7.750 giri/min.

Il telaio della CB300R 2022 è una struttura in acciaio con elementi misti, tubolari e pressati in forma di fazzoletti di rinforzo nei punti potenzialmente più sollecitati. Il forcellone con bracci differenziati è in acciaio scatolato. Il monoammortizzatore posteriore regolabile nel precarico molla su 5 posizioni collega direttamente il forcellone al telaio. La distribuzione dei pesi è bilanciata 49,6/50,4% tra anteriore e posteriore. Il peso complessivo con il pieno di benzina (senza conducente) è di 144 kg.

SISTEMI DI SICUREZZA HONDA CB 300 R 2022

L’impianto frenante della CB300R prevede all’anteriore un disco flottante senza flangia da 296 mm con pinza a 4 pistoncini ad attacco radiale. Mentre al posteriore un disco da 220 mm con pinza a pistoncino singolo. L’ABS a due canali lavora con centralina IMU (Inertial Measurement Unit) per una distribuzione ottimale della forza frenante. Gli pneumatici, entrambi ribassati, e più generosi nel diametro sono da 110/70 R17 all’anteriore e 150/60 R17 al posteriore su cerchi in alluminio pressofuso. Infine cruscotto digitale, come da standard del mercato, ma anche luci Full LED, compresi gli indicatori di direzione, nella dotazione di serie. Segui qui tutte le novità sul lancio della Honda CB300R 2022.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dublino: e-bike a fuoco in un centro commerciale [VIDEO]

Comune di Milano: incentivi moto elettriche fino a 3.000 euro

Immatricolazioni moto e scooter: +3,2% ad agosto, si fermano le EV