Airbag Moto: ecco perché, secondo noi, l’airbag meccanico è meglio

Sfatiamo il (falso) mito che gli airbag moto elettronici sono migliori di quelli meccanici e facciamo un po’ di chiarezza

23 novembre 2021 - 13:00

Per esprimere un giudizio completo e valutare un airbag da moto, meccanico o elettronico occorre valutare molti aspetti e non fermarci ai pochi parametri che ci raccontano. Un po’ come se per valutare una moto ci fermassimo a valutarne solo l’accelerazione e i cavalli dimenticandosi di frenata, assetto, tenuta, consumi, stabilità, manutenzione, costi, ecc. Gli airbag meccanici e quelli elettronici sono di base similari: entrambi hanno generatore di gas, sacchi e sistema di riconoscimento della situazione di pericolo, denominato “trigger”. La differenza più evidente, ma non è l’unica, è proprio nel sistema di trigger e nei paragrafi seguenti capiremo perché.

COME SCEGLIERE LA GIACCA CON AIRBAG DA MOTO MIGLIORE

Gli airbag da moto meccanici hanno un collegamento fisico, più o meno complesso, gli airbag da moto elettronici affidano questo compito a sensori, batteria e software precaricato. Quindi, nonostante alcune evidenti differenze è comunque possibile utilizzare una serie di parametri comuni per poter valutare complessivamente i due tipi di airbag e vedremo che ci sono molte differenze tra gli stessi airbag meccanici e lo stesso vale per gli airbag da moto elettronici. Ci siamo messi nei panni di un motociclista (o scooterista) che deve scegliere un airbag che sia ottimale sotto tutti i punti di vista. Quindi abbiamo individuato quali caratteristiche bisogna valutare per comprendere al meglio le differenze tra i vari prodotti in commercio.

PROTEZIONE DI UN AIRBAG DA MOTO

I requisiti base minimi fanno fede ai valori necessari per ottenere la Certificazione degli airbag da moto. I prodotti che non raggiungono questo livello minimo, andrebbero esclusi dalla valutazione dei prodotti da acquistare per ovvi motivi di sicurezza.

Protezione torace: Livello 1 – Livello 2 (limiti L1< 4,5 kN – L2 <2,5 kN);

Protezione schiena: livello 1 – Livello 2 (limiti L1< 4,5 kN – L2 <2,5 kN);

Tempi completi di accensione: riconoscimento incidente, accensione e gonfiaggio entro i 200 millisecondi;

Attualmente esiste una sola normativa per gli airbag moto meccanici denominata EN1621/4. È dedicata solo agli airbag meccanici perché il testo non contiene la serie di test da eseguire per verificare in che condizioni il trigger elettronico riconosce l’incidente ed attiva l’airbag. Questo ultimo test (ed altri legati alla parte elettronica) verrà inserito nella specifica norma in scrittura denominata EN1621/5. In partica i requisiti in termini di protezione da impatto rimangono invariati per la EN1621/4 e EN1621/5. Cambieranno invece i test da effettuare per verificare il funzionamento del trigger meccanico ed elettronico. Ad oggi, gli airbag elettronici, quelli certificati, sono testati all’impatto secondo la EN1621/4 e in maniera indipendente ogni costruttore certifica con Laboratori Notificati le condizioni di funzionamento del trigger elettronico.

VOLUME DI PROTEZIONE DI UN AIRBAG DA MOTO

I litri del sacco airbag come volume di protezione è uno degli indici di estensione delle zone protette/spessore delle protezioni. Che vengono però poi confermate dalle EN1621/4 nei test di impatto. Più il volume è alto, più la capacità di assorbimento impatto è alta. Più il volume è alto più però sarà difficile indossarlo sotto la giacca.

RICONOSCIMENTO DELLA SITUAZIONE DI PERICOLO DI UN AIRBAG DA MOTO

Indica in che condizioni il trigger, elettronico o meccanico, riconosce con certezza la situazione di pericolo ed attiva l’airbag. Se il trigger non capisce, l’airbag non si apre. Quindi è una caratteristica di una certa rilevanza. Sfogliando il manuale disponibile online sui siti ufficiali dei produttori cerchiamo queste informazioni:

Riconoscimento incidente a moto ferma espresso in gradi [°] (maggiori sono i gradi, maggiori sono gli incidenti riconosciuti);

Riconoscimento incidente a moto in movimento espresso in gradi [°] (maggiori sono i gradi, maggiori sono gli incidenti riconosciuti);

Velocità minima di riconoscimento dell’incidente (minore è la velocità maggiori sono gli incidenti riconosciuti);

MANUTENZIONE DI UN AIRBAG DA MOTO

Ogni dispositivo di sicurezza e non per essere affidabile nel tempo ha bisogno di una certa manutenzione, a volte consigliata, altre volte indispensabile, come per gli airbag da moto. Questa si divide in:

Manutenzione Ordinaria: Indica ogni quanto tempo l’utente finale deve fare dei controlli o operazioni perché l’airbag sia sempre in perfetta efficienza. Espressa in ore, mesi o interventi saltuari;

Manutenzione Programmata: indica con quali intervalli di tempo (in ogni x anni) occorre rispedire l’airbag al produttore o a operatori autorizzati (ad esempio i rivenditori) per un controllo generale;

COSTI TOTALI (DI ACQUISTO E UTILIZZO) DI UN AIRBAG DA MOTO

I costi totali di un airbag da moto da considerare non riguardano solo l’acquisto, ma anche l’eventuale abbonamento del software come aggiornamenti (per gli elettronici) e i costi di ripristino in caso di attivazione dell’airbag. Con questa valutazione comporta quindi dopo l’acquisto:

– Costo per rigenerare l’airbag una volta attivato;

Tempo di attesa per il ripristino per riavere l’airbag rigenerato;

Costo finale completo dell’airbag in negozio (incluso eventuale abbonamento al software elettronico);

AIRBAG DA MOTO MECCANICO O ELETTRONICO? LA VALUTAZIONE A 360 GRADI

Per conoscere questi dati basta semplicemente sfogliare i libretti d’istruzioni sui siti ufficiali dei produttori dei vari airbag presenti sul mercato e ricercare le informazioni più importanti. A volte non è semplice trovarle al punto che alcuni libretti di uso e manutenzione sembrano fatti apposta per rendere difficile risalire alle informazioni tecniche tra quelle puramente commerciali. Mettendo assieme tutti i dati citati nei paragrafi precedenti, potreste rendervi conto che gli airbag elettronici possono sembrare tutti uguali, ma in realtà sono molto diversi tra loro, soprattutto dal punto di vista delle performance protettive. Lo stesso vale anche per gli airbag meccanici. Ma quello che ci ha sorpreso è che alcuni airbag da moto meccanici di nuova concezione, hanno performance complessive che arrivano addirittura a superare gli elettronici. Quindi non è sempre vero che gli airbag moto elettronici sono meglio dei sistemi meccanici di nuova tecnologia. Il nostro invito è non fermarsi alle prime indicazioni marketing o alla moda del momento. L’airbag che acquistate sarà quello che vi salverà la vita, sceglietelo con attenzione!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MIPS: come funziona il brevetto che rende i caschi più sicuri

Idee regalo di Natale 2021 per chi va in moto e in scooter

Casco Shark Spartan GT: 4 stelle nei crash test Sharp