Casco moto HJC RPHA 90S: scarsa sicurezza laterale nei test SHARP

Il casco moto modulare HJC RPHA 90S ottiene un punteggio mediamente buono nei crash test SHARP, ma può migliorare nella protezione laterale della testa

21 luglio 2022 - 10:44

Il casco moto HJC RPHA 90S è un altro recente modello di casco modulare messo alla prova dall’ente inglese SHARP, che non brilla per protezione negli impatti laterali. Nonostante le lacune risultate dal test la mentoniera resiste a una percentuale di impatti molto alta prima di mostrare segni di cedimento. Anche per questo motivo al test del casco HJC RPHA 90S sono attribuite 4 stelle su 5. Ecco i risultati del crash test Sharp HJC in dettaglio.

TEST DI IMPATTO E VALUTAZIONE SICUREZZA DEI CASCHI MOTO

Le prove di crash test Sharp sui caschi moto, mirano a verificare il livello di protezione negli impatti riprodotti secondo la norma UN ECE 22.05. Come al solito ogni modello di casco moto è sottoposto a 30 test di impatto lineari e 2 test di impatto obliqui. Per completare questi 32 test, sono necessari almeno 7 campioni dello stesso casco ma di taglie diverse. Gli impatti avvengono a tre velocità diverse (6, 7,5 e 8,5 metri al secondo):

–  impatto lineare: i caschi sono lasciati cadere contro superfici sia piatte che a forma di cordolo come quelle riscontrabili in incidenti stradali reali;

– impatto obliquo: per valutare la resistenza all’abrasione superficiale del casco.

A proposito, sai che è entrato in vigore il nuovo regolamento 22.06? Ecco tutte le novità.

I PUNTEGGI NEI CRASH TEST DEI CASCHI MOTO

Le zone di impatto nei crash test caschi moto sono classificate in colori differenti da “Molto buono” a “Scarso”, in base all’energia residua trasmessa alla testa. La correlazione tra un colore e un livello di sicurezza è emersa da un’indagine sulle lesioni riportate al cervello in incidenti reali. I colori della zona di impatto si basano su valori di accelerazione e forza specifici:

– Verde: forza fino a 275 g (limite di prova ECE 22.05 a 7,5 m/s);

– Giallo: forza di picco fino a 300 g (il limite di prova British Standard 6658:1985 a 7,5 m/s utilizzato da SHARP come valore massimo consentito per un punteggio a 5 stelle);

– Arancione: forza di picco fino a 400 g;

– Marrone: forza di picco fino a 420 g;

– Rosso: forza di picco fino a 500 g;

– Nero: forza di picco superiore a 500 g;

CRASH TEST CASCO MOTO HJC RPHA 90S

Il crash test casco moto modulare HJC è valutato con 4 stelle su 5. Un punteggio globalmente buono rispetto ad altri caschi che riescono ad arrivare ad appena 3 stelle con le medesime criticità. Il peso di 1,6 kg è allineato ad altri caschi integrali con mentoniera fissa. Sharp ha verificato che nel 93% degli impatti frontali la mentoniera resta chiusa proteggendo al massimo il volto. Nelle prove di sicurezza Sharp il casco moto HJC RPHA 90S ottiene le seguenti valutazioni:

– il punteggio massimo nell’impatto delle zone parietale (superiore), occipitale (nuca) e frontale (verde);

– molto bassa è invece la protezione nella zona temporale sinistra (rosso), mentre è discreta a destra (arancione).

Come sempre vi ricordiamo che la prova reale dell’abbigliamento per moto è fondamentale affinché sia comodo e svolga adeguatamente il suo lavoro. Questo consiglio vale ancora di più con la scelta del casco moto. In generale tra una mezza taglia più stretta e una più larga è meglio quella inferiore, considerando che nel tempo l’imbottitura si adatta alla testa. Puoi approfondire qui tanti altri utili consigli sulla scelta della taglia corretta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Arriva il LED retrofit per più sicurezza in bici

Arriva il casco climatizzato per estate e inverno: ecco i dettagli

Ad Eicma debutta il primo casco moto connesso con dash cam