Cosa sono gli ARAS e come funzionano sulle moto

Come funzionano gli ARAS sulle moto, vi spieghiamo cosa significa questa sigla e quali sono i sistemi di sicurezza avanzata per prevenire gli incidenti

1 agosto 2022 - 19:00

Da quando la sicurezza attiva e passiva dei veicoli è diventata una prerogativa dello sviluppo di nuovi modelli e delle autorità europee, abbiamo assistito al proliferarsi di acronimi. Dai più diffusi, come ABS, ESC, TCS e così via, a quelli meno conosciuti. Molti infatti non sanno che le moto sono sempre più equipaggiate dei cosiddetti sistemi ARAS e in questo articolo cerchiamo di fare chiarezza su cosa sono e come funzionano.

COSA SONO GLI ARAS

I sistemi ARAS sui motocicli e scooter sono esattamente ciò che sono i sistemi ADAS sono per gli autoveicoli. Il principio di adozione è lo stesso e lo si capisce leggendo gli stessi acronimi:

ARAS sta per Advance Rider Assistance System, cambiando la D di Driver in ADAS per le auto.

In questa definizione rientrano tutti i sistemi avanzati che intervengono durante la guida in situazioni critiche prima che il conducente se ne renda conto o comunque per ridurre il rischio di un incidente in moto. Secondo la più recente ricerca sugli incidenti realizzata da Bosch, i sistemi di assistenza ARAS tramite radar potrebbero prevenire un incidente motociclistico su sette.

COME FUNZIONANO GLI ARAS SULLE MOTO

Il funzionamento dei sistemi ARAS permette al conducente di una moto di concentrarsi sulla guida, restando vigile sul traffico che lo circonda ma senza dover sovrastimare l’imprevedibilità delle manovre degli altri conducenti. È chiaro che la prudenza è il primo ingrediente per evitare gli incidenti in moto, ma grazie ai sensori radar della moto, il conducente ha due occhi in più a cui fare affidamento. La tecnologia ARAS sulle moto si basa sul funzionamento simbiotico di sensori radar, sistema frenante, gestione del motore e interfaccia HMI (Human Machine Interface) per sorvegliare continuamente cosa accade intorno alla moto, sia riguardo alle manovre degli altri veicoli sia riguardo a quelle del conducente.

QUALI SONO I SISTEMI ARAS SULLE MOTO

Come anticipato l’acronimo ARAS ha molto in comune con gli ADAS delle auto e anche i relativi sistemi di sicurezza si possono considerare speculari, Tra gli ARAS sulle moto che si stanno diffondendo sui modelli premium ci sono:

– l’ACC (Adaptive Cruise Control – Controllo Adattivo della velocità di Crociera) che adatta la velocità al flusso del traffico e mantiene la distanza di sicurezza dal veicolo che precede per prevenire tamponamenti;

– l’FCW (Forward Collision Warning – Avviso di Collisione Anteriore), avvisa il conducente con un segnale acustico se si avvicina troppo a un veicolo anteriore, che sta frenando o decelerando, per ridurre il rischio di tamponamento o per mitigarne le conseguenze;

– il BSA (Blind Spot Assist – Avviso Angolo Cieco), tramite il radar posteriore avverte il conducente con un simbolo sul retrovisore e un segnale acustico se in alcune situazioni di guida, ad esempio il cambio di corsia con attivazione della freccia, c’è il rischio di collisione con un veicolo presente nella zona cieca.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Preventivo assicurazione moto online

SicurMOTO.it vi augura buone vacanze: ci rivediamo il 22 agosto

Sabbia e buche: come evitarle nella guida in moto

Bambini in moto: a che età si possono trasportare?