Ride Vision 1: primo ADAS aftermarket moto contro gli incidenti

E’ disponibile anche in Italia il primo sistema ADAS aftermarket moto: ecco come funziona Ride Vision 1 contro gli incidenti stradali

29 marzo 2021 - 11:05

Il pericolo di incidenti in moto è anche il motivo per cui non tutti scelgono di montare in sella alle due ruote. Difatti i numeri parlano chiaro: gli incidenti in moto uccidono 1,6 persone ogni 100 eventi (dati Istat 2019). E’ partito da qui lo sviluppo di Ride Vision 1 il primo sistema anticollisione aftermarket e di assistenza alla guida in moto (ADAS, Advanced Driver Assistance Systems). Grazie alla collaborazione tra l’azienda israeliana da cui prende il nome e Autobynet, distributore ufficiale italiano, il sistema Ride Vision è disponibile anche in Italia. Ecco come funziona il Ride Vision V1 e in che modo può ridurre il rischio di incidenti più frequenti in moto.

COS’E’ RIDE VISION 1: IL SISTEMA ADAS AFTERMARKET MOTO 

Ride Vision 1 è un sistema ADAS avanzato che sfrutta la visione artificiale e la rete neurale di Ride Vision CAT (Collision Aversion Technology) per prevedere il rischio di incidente in moto. Il sistema è nato per adattarsi a qualsiasi moto o scooter in circolazione, dopo una necessaria calibrazione post montaggio. E’ studiato per elevare gli standard di sicurezza alla guida (funziona da 20 a 160 km/h – per l’avviso di collisione da 50 km/h). A fronte di un investimento adeguato (380 € una tantum + 17 euro mese con formula premium), infatti, Ride Vision permette di integrare a moto e scooter diverse nuove funzioni, tipiche dei modelli premium:

Avviso di collisione frontale, ad esempio se l’auto davanti frena all’improvviso e l’algoritmo calcola che alla velocità letta dal sensore aggiuntivo, non si avrebbe il tempo e lo spazio per evitare una collisione;

– Alert di mantenimento della distanza di sicurezza, comodo ad esempio in autostrada e strade extraurbane;

Avviso di pericolo in un angolo cieco: il sistema rileva e segnala eventuali altri veicoli che non sono visibili lateralmente o un sorpasso pericoloso;

– Funzione Videorecording (tutela assicurativa con una prova video in caso d’incidente);

– Funzione Action Cam (video del viaggio);

App Ride Vision dedicata con percorsi, statistiche di viaggio, archivio dei video.

COME FUNZIONA RIDE VISION V1

Per fare tutto questo, il sistema Ride Vision V1 impiega due telecamere HD grandangolari per monitorare quasi a 360 gradi cosa accade attorno alla moto. Tutto ciò che è ripreso dalle telecamere viene elaborato dall’ECU con algoritmi di visione predittiva, per aiutare il conducente a reagire prima a un eventuale pericolo. Il sistema comunica con due display integrati ai retrovisori originali per segnalare da quale lato proviene il pericolo, di cosa si tratta e qual è il livello di allerta. Ad esempio:

LED rossi lampeggianti su entrambi gli specchietti: c’è un imminente pericolo di collisione frontale;

– Se i LED rossi si accendono in modo fisso su entrambi gli specchietti: aumentare la distanza di sicurezza a quella velocità specifica;

– Se i LED gialli si accendono in modo fisso su uno specchietto: pericolo nell’angolo cieco o un sorpasso pericoloso (della moto o di un altro veicolo troppo vicino);

Il video qui sotto riassume in modo più chiaro cosa succede alla guida di una moto equipaggiata con Ride Vision 1.

MANUTENZIONE E CONSIGLI DA ADOTTARE 

Il Ride Vision è chiaramente un sistema che assiste alla guida (anche con pioggia o di sera il sistema ha superato i test di collaudo dell’azienda) e non può prendere invece il controllo della moto (come frenare). I sistemi ADAS che lo fanno sulle auto, e sulle poche moto equipaggiate di primo impianto, devono essere integrati al veicolo fin dalle fasi di progettazione e test per essere affidabili in tutte le situazioni di guida. Al fine di assicurare la massima efficienza di funzionamento, il produttore consiglia queste operazioni di manutenzione:

Sostituire ogni 3 mesi il coperchio in vetro delle lenti della telecamera. Il costo è di circa 1 euro per un set di lenti che si possono acquistare dal rivenditore e sostituire da soli;

– Pulire entrambe le lenti della telecamera con un panno asciutto una volta alla settimana;

– Pulire l’unità principale (ECU), lavando delicatamente con acqua per rimuovere eventuale sporco una volta al mese;

– Sincronizzare l’unità Ride Vision con l’app mobile almeno una volta ogni 2 settimane;

SCONTO ASSICURAZIONE MOTO DEL 20% CON RIDE VISION 1     

Il sistema ADAS moto Ride Vision è indubbiamente una soluzione che permette di integrare una tecnologia innovativa su una moto a cui si è affezionati, colmando alcuni limiti dell’assenza dei sistemi di sicurezza attiva. E’ ovviamente scontato che l’efficacia del sistema aumenta se anche gomme e freni sono efficienti e se si assume una guida responsabile. Magari appresa durante un corso di guida sicura in moto. La collaborazione tra Ride Vision e Autobynet poi rende l’Italia il primo Paese estero dove è possibile installare il sistema direttamente presso un installatore ufficiale (con rete di installatori autorizzati nelle principali città italiane). L’azienda consiglia di affidare il montaggio e la calibrazione al dealer ufficiale, ma il kit Ride Vision 1 è acquistabile anche su Amazon a un prezzo indicativo di 630 euro (nella formula basic). Oltre a rendere la moto più sicura, la convenzione con Sara Assicurazioni fa scattare anche uno sconto del 20% sul rinnovo o una nuova polizza.

Per maggiori informazioni visitate il sito ufficiale ride.vision

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Strisce blu moto

Strisce blu: le moto possono parcheggiare?

L’iPhone in moto si danneggia: Apple avvisa i clienti

Sospensione patente moto: quando avviene, come riaverla