Gomme moto: quali montare in inverno?

Quali pneumatici si possono montare in inverno? Facciamo chiarezza sulle gomme moto M+S in inverno e quali caratteristiche devono avere

27 ottobre 2022 - 11:14

Gli pneumatici moto invernali si possono montare? E’ la domanda che i motociclisti fanno più spesso immaginando che proprio come le gomme invernali per auto, anche le due ruote abbiano le loro coperture stagionali. Un comunicato di Assogomma fa chiarezza sull’utilizzo delle gomme moto M+S e le gomme moto per l’inverno. Ecco come e quando si possono utilizzare.

GOMME MOTO PER L’INVERNO E GOMME M+S: SI POSSONO MONTARE?

Se provate a cercare sul mercato delle gomme invernali per moto vi accorgerete che non esistono, eccetto alcuni prodotti per scooter o cercarle in altri Paesi. Anche trovandole però dovrete rispettare alcune disposizioni su montaggio e circolazione stradale. Prima però partiamo dal definire quali gomme moto invernali si possono montare e quali caratteristiche devono avere:

Gomme moto M+S. Tutti sappiamo che la marcatura M+S sulle gomme auto identifica da sempre le gomme 4 stagioni. A questa marcatura si è negli ultimi anni aggiunto anche il simbolo 3PMSF, cioè il simbolo del fiocco di neve con la montagna a 3 punte. E’ quest’ultimo a certificare che le gomme auto sono davvero invernali. Se per le auto la sigla M+S, “Mud & Snow”, indica l’impiego “fango e neve”, per le moto non è così. Assogomma specifica che “nel caso dei veicoli a due ruote questa marcatura indica che lo pneumatico è idoneo limitatamente alla marcia su fango e più in generale per un uso fuoristradistico, non anche su fondo stradale innevato”.

GOMME MOTO M+S IN INVERNO: QUANDO SI POSSONO USARE

Le gomme moto più vicine all’impiego invernale sono quindi le gomme M+S che secondo il Regolamento delegato UE 3/2014 è consentito l’impiego, purché sia “occasionale” di un indice di velocità inferiore ma con le stesse altre caratteristiche riportate sul libretto. Il regolamento stabilisce “un codice di velocità declassato fino ad un minimo di M (pari a 130 km/h). Con l’accortezza che venga chiaramente segnalato al conducente il limite di velocità massimo di impiego mediante l’apposizione di una targhetta”.

Cosa significa uso occasionale delle gomme moto M+S con indice di velocità inferiore? Assogomma afferma che “non esiste una definizione di ‘uso occasionale o temporaneo’ ai sensi dei regolamenti UE di omologazione” e il periodo di utilizzo non si può associare a quello delle gomme invernali per auto. Infatti:

– la Circolare ministeriale del 17 gennaio 2014, chiarisce che l’uso temporaneo di pneumatici invernali su neve e ghiaccio coincide con la durata delle Ordinanze invernali, introdotte con la Direttiva ministeriale 16 gennaio 2013 (15 novembre – 15 aprile);

– nel caso di pneumatici M+S con codice di velocità fino a “Q” (vedi circolare ministeriale 104/95) il periodo di impiego consentito è esteso tra il 15 ottobre ed il 15 maggio per consentire le operazioni di montaggio e smontaggio.

GOMME MOTO IN INVERNO E GUIDA CON NEVE O GHIACCIO

Assogomma ricorda un aspetto che abbiamo specificato anche in questo approfondimento sulla guida della moto in inverno: “è importante evidenziare che tali prescrizioni non sono applicabili nel caso di ciclomotori e motocicli. La Direttiva del 16 gennaio 2013 afferma che nel periodo di vigenza delle Ordinanze invernali, i ciclomotori a due ruote e i motocicli, possono circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulla strada e di fenomeni nevosi in atto.

In sintesi quindi, per sapere se e quando si possono montare gomme moto M+S, l’Associazione individua questi 3 aspetti principali:

È possibile montare e circolare tutto l’anno con motocicli muniti di pneumatici moto M+S purché con caratteristiche dimensionali e prestazionali identiche a quelle riportate in carta di circolazione. A meno che non vi sia neve al suolo o precipitazioni nevose in atto. In tale caso ne è vietata la circolazione”.

È possibile montare e circolare con motocicli muniti di pneumatici marcati M+S con codice di velocità declassato purché per un uso occasionale o temporaneo. In tale caso deve essere apposta una targhetta monitoria che informi il guidatore della velocità massima consentita. Tale equipaggiamento non necessita di aggiornamento della carta di circolazione, né di un nullaosta del costruttore”.

“Laddove si vogliano impiegare pneumatici di misure e di prestazioni non riportate in carta di circolazione è necessario rivolgersi al costruttore del motoveicolo che fornirà le opportune formali assicurazioni. È solo il costruttore del motoveicolo, non il costruttore o il rivenditore dello pneumatico, a poter autorizzare un equipaggiamento alternativo a quello previsto in carta di circolazione”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assicurazioni moto d'epoca e storiche

Bollo moto storiche: normativa ed esenzioni

Seggiolino moto per bambini: regole in Italia e all’estero

Multe moto: da gennaio 2023 importi aumentano del +15%?