Scooter elettrici

Scooter elettrici nelle Ztl: l’accesso è sempre gratis?

Quali sono le regole di accesso degli scooter elettrici nelle Ztl? L'ingresso è sempre libero e gratuito? Vediamo quali sono le regole italiane

14 novembre 2022 - 17:15

I dati sulle vendite degli scooter elettrici sono molto incoraggianti: non solo costano relativamente poco e consumano ancora meno, ma rispetto agli omologhi modelli endotermici usufruiscono di tutte quelle agevolazioni che sono di solito riservate ai veicoli a zero emissioni, come il libero accesso nelle Ztl, la sosta gratuita sulle strisce blu, ecc. Più correttamente si pensa che usufruiscano di queste agevolazioni, perché la realtà è un po’ più complessa e spesso disomogenea. Ad esempio, l’accesso degli scooter elettrici nelle Ztl è davvero sempre gratis? Proviamo a scoprirlo.

SCOOTER ELETTRICI NELLE ZTL: COSA DICE IL CODICE DELLA STRADA

Partiamo dalla regola base. L’articolo 7 comma 9-bis del Codice della Strada dispone che, all’interno dei centri abitati, nel delimitare le zone a traffico limitato “i Comuni consentono, in ogni caso, l’accesso libero a tali zone ai veicoli a propulsione elettrica o ibrida”.

La norma è quindi molto chiara e non sembra ammettere repliche: nelle Ztl i Comuni consentono IN OGNI CASO, cioè sempre, l’accesso libero ai veicoli elettrici e ibridi. Tuttavia, siccome in Italia siamo primatisti mondiali nel complicarci la vita, abbiamo trovato il modo di intralciare persino una regola così semplice.

SCOOTER ELETTRICI NELLE ZTL: OGNI COMUNE FA A MODO SUO

Premesso che in effetti tutti i Comuni, o quasi, permettono l’ingresso libero di auto e moto elettriche nelle Ztl, ciascuna Amministrazione preferisce organizzare gli accessi a modo suo, senza nessuna sinergia con le altre città, neppure quelle limitrofe. E dunque abbiamo Comuni che permettono l’ingresso libero tout-court, altri che richiedono la pre-registrazione della targa e altri che ammettono il beneficio solo previa acquisizione di un apposito contrassegno (talvolta a pagamento). Vediamo qualche esempio nel prossimo paragrafo.

REGOLE SCOOTER ELETTRICO IN ZTL NELLE MAGGIORI CITTÀ ITALIANE

A Roma i veicoli a trazione esclusivamente elettrica, inclusi gli scooter elettrici, possono liberamente e gratuitamente circolare all’interno di tutte le Ztl della Capitale senza che venga rilasciato un contrassegno cartaceo. Bisogna però inserire online la targa del veicolo in un apposito form per consentire agli ausiliari del traffico la verifica del beneficio.

Nella città di Milano gli scooter elettrici possono circolare liberamente in Area B e in Area C senza la necessità di richiedere alcun permesso o autorizzazione.

A Napoli i possessori di veicoli elettrici possono far richiesta al Comune del permesso di accesso alle Ztl della città a un costo di 10,00 euro. Precisiamo che in alcune Ztl motocicli e ciclomotori, anche non elettrici, hanno sempre l’accesso libero, mentre in altre (come la Ztl Marechiaro) è richiesta un’autorizzazione.

A Torino gli scooter elettrici possono entrare nelle Ztl previa registrazione della targa.

In ogni caso consigliamo sempre di verificare le normative di ogni Comune direttamente nei rispettivi portali istituzionali. Ulteriori informazioni qui.

SCOOTER ELETTRICI NELLE ZTL: QUALE SOLUZIONE PER SEMPLIFICARE GLI ACCESSI?

In conclusione abbiamo la conferma che nonostante una norma nazionale molto chiara, le regole di accesso nelle Ztl per gli scooter elettrici risultano molto confuse, soprattutto perché diverse da città a città. La situazione si potrebbe risolvere facilmente istituendo un pass unico nazionale, valido in ogni Ztl d’Italia (oppure una sola piattaforma di registrazione della targa) con regole condivise da tutti i Comuni. Ma questa soluzione ci sembra talmente semplice e di buon senso che probabilmente non sarà mai attuata.

Occorre comunque sottolineare che non tutti sono d’accordo con il libero accesso di scooter e di altri mezzi con motore elettrico nelle zone a traffico limitato. Infatti, a prescindere dal tipo di alimentazione dei veicoli, lo scopo delle Ztl è quello di diminuire il traffico nei centri urbani e salvaguardare la vivibilità dei residenti, dei pedoni e dei ciclisti. E anche se a emissioni zero uno scooter elettrico resta comunque un veicolo a motore la cui circolazione andrebbe sottoposta a specifici limiti (per lo meno nelle zone più centrali).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assicurazioni moto d'epoca e storiche

Bollo moto storiche: normativa ed esenzioni

Seggiolino moto per bambini: regole in Italia e all’estero

Multe moto: da gennaio 2023 importi aumentano del +15%?