Articoli con il tag uso del casco

Situazione incidenti a Roma: contesto incoraggiante

Secondo la Polizia di Roma Capitale "nell’ultimo decennio c'è stato un netto miglioramento del fenomeno dell’incidentalità stradale rispetto al passato”

I dati parlano di 126 decessi a Roma nel 2016, contro i 161 del 2015 e addirittura i 289 del 2001. Nei primi mesi dell’anno sono comunque già 21 le vittime della strada nella Capitale. Raffrontando i dati con l’Italia e con l’Unione Europea – dove i dati disponibili si dermano al 2015 – i morti sulle strade sono stati rispettivamente 3.428 su territorio nazionale e 26.311 nell’Unione Europea, con un decremento pari a circa il 50% rispetto al 2001, quando le vittime della strada sono state 7.096 in Italia e 55.001 nell’UE. (altro…)

Uso del casco in Italia. Siamo a buon punto, ma si può fare di più.

Secondo l' ultima rilevazione del Sistema Ulisse riguardo l'uso del casco, 9 centauri su 10, in media, lo utilizzano regolarmente. Il Sud fanalino di coda.

Il dato preciso ci dice che l'89,9% dei motociclisti, circola sulle nostre strade con il casco ben allacciato in testa. Come in molte altre situazioni però, occorre fare dei distinguo tra le aree del Nord Centro e Sud Italia. Mentre la percentuale più alta si registra da Firenze in su (99,9%), la quota va man mano calando scendendo verso la punta dell stivale. Abbiamo un 93,9% al Centro, ma un non molto esaltante 76,6% al Sud. Un motociclista su tre non utilizza il casco, e questa cattiva abitudine si ripercuote poi negativamente sulle spese per sanità ed assicurazioni costrette a risarcimenti in media  più alti, con conseguente aumento (non sempre a torto) delle tariffe. (altro…)

Uso del casco. In calo chi non lo utilizza, ma ancora troppi morti su due ruote

Secondo la Polizia stradale sono in calo nei primi sette mesi dell'anno le multe per chi non lo utilizza. Costante, purtroppo, il numero delle vittime.

Nel periodo che va da gennaio a luglio del 2011, le infrazioni accertate sono state 4.530, contro le 5.521 dello stesso periodo del 2010. (altro…)

Salvatore Licitra era senza casco: pagherà le spese mediche?

Salvatore Licitra, famoso tenore erede del grande Pavarotti, era alla guida del suo scooter quando, forse per un malore, cade subendo gravi traumi alla testa ed al volto.

Un fatto di per sè spiacevole considerando anche il fatto che, oltre al Licitra, anche la ragazza che viaggiava con lui ha subito dei traumi, anche se più lievi. Tuttavia, secondo quanto si apprende dagli organi di stampa, Licitra viaggiava senza casco. Scelta illegittima (e poco comprensibile ) che pone dei doverosi interrogativi. (altro…)

Perde la vita per il mancato uso del casco… mentre se ne contestava l’obbligo!

Un fatto paradossale, che ha tanto il sapore di un monito nei confronti di chi ancora si ostina a considerare il casco non come un alleato prezioso per i motociclisti, ma come oggetto fastidioso e superfluo.

Nel corso di una manifestazione, a cui erano presenti circa 500 motociclisti, volta a contestare la norma che rende obbligatorio l'uso del casco, un motociclista di New York ha perso la vita in un incidente proprio per il mancato utilizzo.   (altro…)

Napoli 7 motociclisti su 10 indossano il casco

Da una nostra recente rilevazione pare che la situazione stia migliorando. Intanto le forze dell'ordine attuano la tolleranza Zero. In realtà chi non usa il casco non è definibile “motociclista”, ma ci serviva la parola nel titolo. Sappiamo bene quanta disparità ci sia tra nord e sud Italia nel rispetto della regola del casco. Nel tempo le leggi, il buon senso e la severità nei controlli e nelle sanzioni hanno quasi azzerato la percentuale di motociclisti che viaggiano senza nell’Italia settentrionale. Al centro e al sud la situazione è sempre stata critica. Insufficienti controlli e tradizioni locali di dubbia moralità favoriscono -ancora oggi- l’insofferenza a tutte quelle regole che agli ignoranti appaiono come inutili o superflue. Indossare il casco non è superfluo. I dati dell’Istituto Superiore della Sanità parlano chiaro: la prima causa di morte fra i giovani di età compresa tra i 15 e i 19 anni sono gli incidenti stradali. La seconda per i ragazzi dai 10 ai 14 e dai 20 ai 24 anni. Un incidente stradale in motocicletta senza casco equivale quasi certamente a un decesso. Si stima, inoltre, che senza adeguate contromisure, entro il 2020 gli incidenti stradali rappresenteranno la terza causa globale di morte e disabilità. (ISS – dati 2009) (altro…)