Assicurazione kasko e mini-kasko moto

Assicurazione kasko e mini-kasko moto: come funziona

In questa sede parliamo della assicurazione kasko e della mini-kasko moto, spiegando come funzionano queste coperture accessorie decisamente importanti

4 settembre 2020 - 16:11

Anche se l’assicurazione kasko moto, e in subordine la mini-kasko, risulta essere una garanzia accessoria, ossia facoltativa, è in realtà importantissima e quasi tutti i motociclisti dovrebbero seriamente pensare di sottoscriverla per completare la copertura della RC moto obbligatoria. La kasko assicura infatti il rimborso di tutti i costi in caso di danneggiamento della moto, dell’equipaggiamento o degli accessori, anche in caso di sinistro con colpa. Per questo è particolarmente indicata ai motociclisti che viaggiano molto spesso, magari per lavoro, e sono quindi statisticamente esposti a rischi maggiori. Ma anche a coloro che possiedono motocicli di valore con costi di riparazione o pezzi di ricambio decisamente onerosi. E anche ai neopatentati, che per la scarsa esperienza alla guida possono incorrere più degli altri in collisioni dovute a distrazioni o a brusche manovre

COME FUNZIONA L’ASSICURAZIONE KASKO MOTO

Come detto, l’assicurazione kasko moto copre i danni subiti dal proprio veicolo, a prescindere dalla responsabilità. Generalmente opera nelle seguenti tre ipotesi: urto contro un altro veicolo; urto contro ostacoli mobili e fissi; ribaltamento o uscita di strada. Come si può facilmente intuire la polizza kasko offre una copertura molto completa e, di conseguenza, è piuttosto costosa. Tuttavia è possibile risparmiare scegliendo la formula più adatta alle proprie esigenze

– La kasko a valore intero, la più completa di tutte, prevede che i danni subiti vengano rimborsati nella loro totalità, senza la presenza di un massimale o di altri limiti specifici alla copertura.

– La kasko a primo rischio, che può essere assoluto o relativo. Prevedono entrambi un massimale, ma mentre nel primo caso viene indicato un valore fisso che resta invariato nel tempo, nel secondo il massimale viene calcolato in termini percentuali rispetto al valore del veicolo assicurato.

Infine la kasko a secondo rischio, che oltre a un massimale prevede pure una franchigia (solitamente di circa 500 euro o più alta). Ciò significa che questa formula garantisce un risarcimento all’assicurato solo se il danno subito è superiore alla franchigia stabilita nelle condizioni contrattuali. Alcune compagnie applicano alla kasko a secondo rischio anche uno scoperto del 10%.

COSA NON COPRE LA POLIZZA KASKO MOTO

La polizza kasko moto, salvo eccezioni, non tutela i danni alla vettura provocati da agenti atmosferici, atti vandalici oppure da incendio e scoppio o tentativo di furto, per cui esistono specifiche coperture accessorie. Non tutela neppure i danni causati da veicoli non identificati, a meno che la collisione non sia stata ritenuta risarcibile ed effettivamente risarcita dal Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada. Non copre altresì i danni provocati dal conducente non abilitato alla guida secondo le norme in vigore (per esempio senza patente o con patente non idonea); i danni provocati dal motociclista in stato di ebbrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti; danni provocati dal conducente escluso dalla formula di guida indicata nel contratto assicurativo; i danni causati da urto con animali selvatici.

ASSICURAZIONE MINI KASKO MOTO: CHE COS’È

La polizza kasko moto si differenzia dall’assicurazione mini kasko moto o ‘kasko collisione’ perché quest’ultima copre i danni derivanti al proprio veicolo soltanto e unicamente se c’è stata una collisione con un altro veicolo identificato. È comunque molto richiesta, soprattutto dai neopatentati o comunque dai guidatori poco esperti, ma anche da chi utilizza la moto con particolare frequenza, magari per lavoro. Perché a fronte di un premio tutto sommato contenuto (circa la metà della normale kasko) offre una buona tutela in caso di incidente con altri veicoli. Viceversa la mini kasko moto non opera in caso di uscita di strada, ribaltamento, urto con ostacoli fissi e collisione con moto o altri veicoli non identificati. Pertanto, ribadiamolo ancora una volta, affinché scatti la protezione della mini kasko moto è assolutamente necessario che l’altro o gli altri veicoli coinvolti nel sinistro siano verificabili.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danni al passeggero della moto

Bonus protetto moto: cosa copre la garanzia

proteggere la moto dall'inverno

Come proteggere la moto dall’inverno: i consigli di SicurMOTO.it

Il sorpasso tra motocicli si può effettuare solo a sinistra

Il sorpasso tra motocicli si può effettuare solo a sinistra?